Risultati H1 e Outlook mercato immobiliare 2021
9 Luglio 2021
Nel primo semestre del 2021 il mercato immobiliare degli uffici ha confermato un crescente dinamismo con nuove iniziative, investimenti ed importanti operazioni da parte di utilizzatori finali mossi dalla volontà di dare una nuova veste ai propri Headquarter in edifici, moderni ed efficienti, che possano offrire ambienti confortevoli e di qualità.

A Milano, il Q2 2021 ha registrato un assorbimento di spazi direzionali da record pari a 127.000 mq (+100% rispetto allo stesso periodo del 2020 e persino superiore al Q2 2019, uno dei migliori trimestri in assoluto degli ultimi anni), che ha portato il totale da inizio anno a circa 210.000 mq.

In questo periodo sono state perfezionate diverse transazioni rilevanti concentrate prevalentemente nel CBD e Centro (complessivamente il 39% del totale).

Performance molto positiva anche per il mercato leasing uffici di Roma che nel secondo trimestre ha registrato un take-up  di 48.000 mq (+200% rispetto al Q2 2020) portando il livello di assorbimento dell’H1 2021 a circa  72.300 mq. In termini di location preferite dagli occupier l’ H1  2021 ha visto i dati sull’assorbimento della capitale concentrati verso la zona Centro, seguita dal sub-market dell’EUR.

Alla luce dei risultati record conseguiti in termini di take-up nel segmento direzionale, con una superficie transata superiore ai 130.000 mq, tra Milano e Roma, che ne riconfermano la leadership di settore, GVA Redilco prevede un trend positivo per la seconda parte dell’anno ed un incremento sostenuto della domanda per spazi ad uso ufficio, principalmente orientata verso prodotti di grado A/A+, in location prestigiose ed attrattive, con i più alti standard qualitativi e con certificazioni internazionali di efficienza energetica e sostenibilità, adatti ad accogliere nuovi format innovativi caratterizzanti il design interno e la gestione degli spazi.

Continua a crescere il mercato immobiliare logistico che ha registrato un assorbimento eccezionale, pari a ca. 1.300.000 mq, in aumento del 56% rispetto al primo semestre del 2020, con previsioni per fine anno più che positive e valori superiori o almeno pari a quelli registrati nel 2020 (ca. 2.3 mln mq), il miglior anno di sempre per il settore.

Ottima performance per il team di GVA Redilco che ha transato circa un terzo del totale di mercato, riconfermando la propria posizione di leadership anche nel comparto logistico.

L’andamento dei canoni di locazione evidenzia una situazione di sostanziale stabilità in quasi tutte le location “prime” dopo un aumento nel 2020.

Dal punto di vista degli investimenti, il volume relativo a tutte le asset class nel secondo trimestre in Italia si attesta a circa € 2 miliardi, in leggero aumento rispetto al Q2 2020, risultato che porta il totale del semestre a circa € 3.3 miliardi di cui GVA Redilco ha partecipato per € 1.1 miliardi. Tuttavia da un’analisi approfondita delle operazioni in corso, risultano sottoscritti accordi preliminari - quindi non ancora annoverati nei volumi registrati - per un valore pari a circa € 1 miliardo che fa presagire una fortissima ripresa del trend di crescita degli investimenti.

Per quanto riguarda i singoli segmenti di mercato, gli uffici si riconfermano l’asset class preferita dagli investitori catalizzando un quarto del totale investito nel semestre, pari a circa € 800 milioni.

Importante la quota di mercato guadagnata dal settore degli “alternative” (Data Center, Telco, Healthcare e Mixed) che nel semestre raggiunge € 860 milioni, pari al 26% del totale investito, con un incremento a tripla cifra rispetto all’anno precedente, che evidenzia il crescente interesse per questo segmento.

Crescono anche gli investimenti nel settore Living Residenziale che ha attratto circa € 385 milioni  di investimenti ( il 12% del totale) in crescita del 25% circa rispetto all’H1 2020.

Lato investimenti subisce invece un’ulteriore contrazione il mercato retail, che ha registrato transazioni per € 176 milioni, mentre finalmente vede una ripresa delle attività di letting, in particolare High Street a Milano e Roma, scommettendo sull’auspicata ripresa dei consumi.

Nuovo record per il settore logistico in Italia: il volume degli investimenti alla fine del H1 2021 ha superato i € 635 milioni, con una crescita del 92% sullo stesso periodo del 2020 e del 167% rispetto al H1 2019.

Il comparto, che ha catalizzato ca. il 20% del totale investito in Italia, si dimostra solido, maturo e particolarmente attivo. La crescita dell’interesse per questa asset class da parte degli investitori porterà ad un’ulteriore contrazione dei rendimenti netti, rispetto al 4.7% attuale.

Sullo slancio del trend in atto e delle transazioni in pipeline ci si attende una seconda parte dell’anno ugualmente positiva con il raggiungimento di nuovi record di assorbimento, canoni e rendimenti e un target di volume investito che potrebbe raggiungere i € 2 miliardi.
News